Cerca

Quando vivi all'estero...

Aggiornato il: nov 13



Quando vivi all’estero ti senti sempre dire che sei una persona coraggiosa.


La frase: “beato te che te ne sei andato..” non manca mai.


Nessuno capisce però quanto sia difficile prendere quella scelta.

Non é solo andarsene via di casa per costruirsi un futuro.

Vivere a qualche km di distanza dalla famiglia e dagli amici. Scegliere di trasferirsi in un’altra nazione comporta ad avere tante perdite. Non sei presente per brindare ai trionfi delle tue persone care. O per festeggiare i traguardi che questi raggiungono. Non puoi abbracciarli e dargli il tuo sostegno nei momenti difficili. La maggior parte delle volte, li puoi vivere solo attraverso una video chiamata. Li vedi crescere dietro ad uno schermo.


Ogni volta che torno a casa é uno strappo al cuore. Rivedere i miei genitori invecchiare senza di me. I miei fratelli crescere e affermarsi. Gli zii, i cugini prendere la loro strada. É frustrante non poter condividere insieme le nostre vite.


É come se vivessi due vite parallele. É difficile spiegare la sensazione che si prova. Ma, quando metto piede nella mia terra. A tratti mi sento sempre la stessa ragazza di 5 anni fa. Come se non fossi mai andata via. Per altri versi invece, mi sento diversa. Fuori luogo. Come se non appartenessi più a quel posto. Talmente cambiata da sentirmi un pesce fuor d’acqua.


Poi, arriva il momento di salutarli. Il cuore mi si blocca. Le lacrime scendono all’impazzata sul mio volto. Nonostante gli anni, é sempre difficile lasciarli. É come se fosse sempre la prima volta. Li guardo mentre vado via. La mia testa é travolta da uno tsunami di pensieri. Mi sento impazzire. Guardare tutti quegli occhioni pieni di amore. Per un attimo dimentico tutto. La mia inadeguatezza non ha più importanza. Mi concentro esclusivamente su di loro. Non sapere quando potrò riabbracciarli, rivederli.. É devastante.


A volte provo un senso di colpa. Come se li stessi tradendo.

Rivaluto spesso la scelta che ho preso anni fa. Ed ogni giorno mi tartasso chiedendomi se sia quella giusta. Non ho ancora trovato risposte. Sono combattuta. Da una parte c’é il futuro che sto provando a costruirmi qui. Dall’altra la famiglia, gli amici di una vita.


Quando prendi l’aereo sei carico, adrenalinico. Sei cosciente che quel viaggio cambierà la tua vita. Ma non capisci quanto realmente poi la stravolga.


Molti pensano che sia facile vivere fuori, costruirti una tua vita. Non si rendono conto invece di quanto sia difficile. Doversi adattare ad un’altra lingua, ad un’altra cultura. Instaurare nuove relazioni. Cambiare punti di riferimento. Sentirti sola. Lontana. Non poter avere le persone di una vita vicine per poter condividere con loro ogni momento della tua quotidianità.


É bello però quando attorno hai persone che ti apprezzano ma é ancora più soddisfacente quando hai una famiglia che ti appoggia. Che nonostante la distanza riesce sempre a starti vicino. Capace di motivarti e sostenerti in ogni decisione. Questo é importante, essenziale per me. Perché mi aiuta ad andare avanti.


Vivere all’estero é questo. Un mix di emozioni che travolgono la tua vita, il tuo essere. A volte, rendendoti migliore. Permettendoti di fare esperienze indimenticabili, ma soprattutto di crescere, di maturare. Di vedere il mondo da un’altra prospettiva. Ma vivere all’estero é anche delusione e soprattutto mancanze. É abitudine.

Non so se ho fatto la scelta giusta, mi auguro di si. Ma sono curiosa di vedere fino a dove mi porterà. Nonostante tutto..

36 visualizzazioni

©2020 by Il nostro blog. Grazia Scano